Home
For Women
For Practitioners
For Partners
Sex and Vaginismus
Vag. Central
Contact Us


Assorbenti interni e Vaginismo: consigli utili e alternative



I tamponi possono essere una scocciatura!!
Non vi preoccupate, qui si puo' annuire. SAPPIAMO che non è sempre facile inserirne uno nonostante le ditte di assorbenti interni vogliano tanto che tutti pensino che sia un gioco da ragazze per tutte.
Capiamo che non può essere facile dire ad alta voce alle vostre amiche non riuscite a inserirli, particolarmente quando tutte intorno a voi sembrano usarli senza nessun problema o se vi faranno sentire delle sciocche per non averli mai provati. Beh, la verità è che molte ragazze e donne trovano i tamponi impossibili, dolorosi, scomodi o semplicemente troppo scoccianti o anche pericolosi da usare, e di solito hanno buoni motivi per pensarla cosi ed e' ora che piu' donne che non hanno nessun problema con gli assorbenti interni capiscano che non sono adatti a tutte e smettano di farvi sentire che ci sia qualcosa di sbagliato in voi se non riuscite a metterli.

Ragioni per le quali gli assorbenti interni possono essere dolorosi o non fare per voi

1. AVETE un FLUSSO LEGGERO

Se il vostro flusso mestruale è leggero e non 'perdete' mai molto sangue, questa e' la ragione numero uno per cui gli assorbenti interni non faranno mai per voi. I tamponi sono stati destinati ad assorbire il sangue e fanno molto bene il loro lavoro. Il problema è, se non sanguinate molto in primo luogo, il tampone assorbirà tutto quello che si trova all'interno delle pareti vaginali, rendendovi molto asciutte alla fine dell'inserimento e rendendovi difficile poi toglierli. Così, se il vostro flusso è leggero, potete scegliere se usare alternative come i pannolini rilavabili o le coppette vaginali riutilizzabili (vedi piu' avanti).
Se invece desiderate potere usare gli assorbenti interni qualche volta per qualsiasi motivo, assicuratevi di inserirli soltanto i primi giorni o quando 'perdete' più sangue e soltanto rimuoveteli quando sono totalmente impregnati (ma non lasciateli mai dentro più a lungo delle ore suggerite dalla ditta che state usando, che sono solitamente di intorno alle 8 ore)

2. CONFEZIONE SENZA APPLICATORE o APPLICATORE SBAGLIATO

Alcuni assorbenti interni hanno degli applicatori, altri no e non tutti gli applicatori saranno gli stessi.
Provare ad inserire un assorbente interno senza un applicatore potrebbere rendere le prime inserzioni molto più difficili. Vi suggeriamo di provare le confezioni che includono gli applicatori, rende l'inserimento molto più facile, ma fate attenzione al tipo:
* Applicatori Di Cartoncino: sembrano danneggiare facilmente i delicati tessuti vaginali e non essere il massimo.
Dopo tutto, e' del cartone, non certo il materiale più liscio da far entrare in vagina! (ma chi li ha disegnati?)
Inoltre potrebbero rompersi e grattare un po', insomma: non li raccomandiamo.

* applicatori di plastica con le punte arrotondate (x esempio: i Tampax Compaq): sembrano essere i favoriti delle donne tra i due tipi perche' scivolano meglio e possono essere usati con del lubrificante sopra. E inoltre potete anche usarli come dilatatori per curare il vaginismo.

3. FOBIA AD INSERIRE LE DITA IN VAGINA

Alcune donne non sopportano il pensiero di inserire le loro dita all'interno della vagina o persino di toccare quella zona.
L'inserimento di un assorbente interno può coinvolgere il contatto di quelle parti ovviamente (particolarmente se non utilizzaste un applicatore) quindi sarebbe impossibile per queste donne usarli. E va bene cosi.
Le donne dovrebbero essere rispettate e non messe sotto pressione a curare questa fobia dato che c'e' un' abbondanza di alternative agli assorbenti interni. Ma se volete usarli per qualsiasi ragione, allora se avete una fobia delle dita in vagina, provate ad utilizzare un applicatore.

4. NON TROVATE L'APERTURA o TEMETE che L'IMENE VI BLOCCHI LA STRADA

Dopo molti tentativi infruttuosi, potreste anche credere naturalmente di non avere un'apertura normale laggiu' o di non averla affatto! Anche se puo' succedere di non avere un'apertura (ma è super raro, vedi la sezione sull'IMENE), una spiegazione migliore può essere che abbiate l'imene leggermente spesso o non conosciate la vostra vulva abbastanza bene da trovarne la porta d'ingresso.
Anche se non avete il vaginismo, l'articolo su come trovare l'apertura vaginale potrebbe aiutarvi con questo problema.
Se invece e' proprio l'imene il problema, perche' riuscite ad entrare con la punta, ma l'assorbente non riesce ad andare dentro piu' di cosi, allora (particolarmente se state usando la più piccola taglia dei tamponi disponibili), è possibile che alcuni imeni non siano elastici come altri e richiedano un po'di stretching prima che possiate inserire un assorbente.
Controllate la nostra pagina sull' IMENE per saperne di piu' su come potete allentare il vostro imene abbastanza per far entrare un assorbente (o un pene) senza dolore o rottura.

5. MARCA o TAGLIA SBAGLIATA DI ASSORBENTI

Alcune marche potrebbero non andare bene per voi. Quindi prima di pensare che gli assorbenti interni proprio non fanno per voi, potreste voler prima provarne alcune marche diverse e vedere come va. Non possiamo raccomandare una marca più di altra qui, ma per esempio, sappiamo che alcune donne trovano i Tampax troppo assorbenti. Ciò significa che lasciano la vagina molto secca e quindi il tampone puo' graffiare un po' contro le pareti vaginali o rendere la rimozione dolorosa o la prima impossibile. Invece, OB, Kotex e Playtex sembrano essere molto apprezzate perché non assorbono tanto e vengono vendute con gli applicatori di plastica anche. Ma vedete voi.
Pero' più piccolo sara' l'assorbente, e piu' facili saranno le prime inserzioni quindi scegliete una marca i cui assorbenti piu' piccoli siano i piu' piccoli di tutti. Guardate le misure, non leggete solo cosa dice la scatola, un OB extra in realta' puo' essere più piccolo di un Tampax normale. Verificate le dimensioni reali!

6. TIMORE DELLA SINDROME Da SHOCK TOSSICO (Toxic Shock Syndrome)

E' una sindrome rara ed è particolarmente raro morirne, pero' c'e' ed e' seria. Una di noi l'ha sperimentata e benchè sia ancora qui viva e vegeta a raccontarci la sua esperienza, non rischierebbe ancora la sua vita e quel dolore e spavento soltanto per la comodità di non avere un pannolino per alcuni giorni al mese.
Non stiamo dicendo che non dovreste provare mai gli assorbenti a causa di questa sindrome MA se la temete molto, non siete sciocche e non sarebbe giusto pressarvi a dimenticarvi le vostre paure quando magari il vostro corpo sta solo cercando di proteggervi.
Per le più informazioni su questa sindrome potete leggere questo articolo di Wikipedia sulla SST e/o leggere bene le istruzioni per l'uo all'interno dei pacchetti di assorbenti, prima di usarli.

In pratica, siate sempre super pulite quando li maneggiate. E se la paura poi fosse troppa, o se aveste gia' provato alcuni dei sintomi di quella sindrome in passato, ma i pannolini non li sopportate piu', esiste sempre la possibilita' di utilizzare coppette vaginali. Per ora non c'e' prova che siano associate alla sindrome da shock tossico, quindi vale la pena farci un pensierino :)

7. SOFFRITE DI VAGINISMO

Le donne con il vaginismo possono trovare impossible inserire gli assorbenti interni perché i muscoli pubici che circondano la vagina possono premere fortemente, entrare in tensione e chiudersi, rendendo ogni rapporto sessuale, ma anche spesso l'inserzione di un assorbente, dolorosa o impossible.

In effetti, non riuscire ad inserire un tampax e' uno dei primissimi sintomi che molte ragazze noteranno che puo' condurle ad una diagnosi di Vaginismo.
Ma non vi preoccupate in caso: il vaginismo puo' essere curato e siete sul sito giusto per trovare tutte le informazioni di cui potreste avere bisogno.
Una volta curato il vaginismo, potreste voler provare a usare gli assorbenti interni, ma anche donne che hanno curato il vaginismo continuano a preferire non usarli, per i tanti motivi espressi in questo capitolo.
Siete donne lo stesso... Non cambia niente..

Se invece desidererete provare a inserirli, la prossima parte potrebbe aiutarvi un po'.

Consigli generali su come inserire gli assorbenti interni (e tirarli fuori!) senza dolore


Allora, se avete deciso di dare una chance agli assorbenti interni (o mooncups) ora che avete una comprensione migliore di che cosa può avervi dato problemi in passato, speriamo che questi consigli pratici vi possano aiutare un po'.

a) ASPETTATE DI AVERE IL CICLO!

Puo' sembrare scontato ma la prima volta che ho provato un tampax, ero asciutta come un deserto eppure non avevo idea ne' ho trovato scritto da nessuna parte che avrei dovuto aspettare di essere umida e che dovessi aspettare il mio ciclo o almeno usare del lubrificante! No, non mi ha detto niente la mia mamma, scommetto che ha avuto gli stessi problemi anche lei ed e' stata zitta..
Quindi dato che di sicuro ci saranno altre ragazze che proveranno un tampone per vedere se riescono ad inserirlo prima del mestruo (o sono l'unico genio?): non fatelo!
O almeno procuratevi del lubrificante.

Si chiamano assorbenti proprio perche' ASSORBONO tutto quello che trovano, quindi se non c'e' niente da assorbire, cominciano ad assorbire le nostre secrezioni che aiutano a mantenere la vagina sana. Quindi inserire un assorbente interno senza essere lubrificate (dal sangue, da un olio o dall'eccitazione) puo' essere problematico perché la vostra vagina allora sarà molto asciutta e un assorbente di cotone può danneggiarla o lasciare dei taglietti molto piccoli, come quelli di quando ci si taglia con la carta, all'interno delle pareti della vostra vagina. Oppure potreste riuscire ad inserirli ma poi trovare impossible o molto doloroso toglierli !
Quindi, sperimentate quando avete il vostro ciclo e anche durante il giorno di flusso piu' abbondante possibilmente, oppure usate molto lubrificante (Vedi l'articolo sui lubrificanti per capire quale e' meglio per voi)

b) AGGIUNGETE DEL LUBRIFICANTE

Non danneggia aggiungere del lubrificante ad un assorbente interno, quindi applicatelo generosamente sulla punta o all'entrata della vostra apertura vaginale se potete. Può fare una gran differenza.

c) ESPIRATE MENTRE INSERITE e... SPINGETE

Questo fara' distendere i vostri muscoli pubici, un po' come fare i kegels invertiti, cioe' spingere in fuori invece che contrarre i muscoli. Come quando dovete andare di corpo! :)

d) MIRATE IN BASSO MA POI SPINGETE IL TAMPONE PIU' IN ALTO CHE POTETE
(Questo non vale per le Coppette Mestruali)

Quando inserite un assorbente interno per la prima volta, se fate fatica a trovare l'apertura vaginale, mirate verso il basso: verso il pavimento se siete in piedi o verso il vostro fondoschiena se siete sdraiate.

Una volta dentro invece, puntate in alto.

Gli assorbenti interni non dovrebbero essere posizionati appena all'interno della vagina ma piu' in su'.. Cercate quindi di inserirli piu' in su che potete, finche' non riuscite piu' a toccarne la base con le dita. (Ecco perche' c'e' la cordicella!)
Ovviamente non esagerate con la spinta in alto, ma dovreste metterlo alto abbastanza da non sentirlo. In pratia, dovreste potere inserire la punta del dito in vagina quando il tampone è all'interno, e non andarci addoso.
Se temete che possa andare troppo in profondità, beh, non possono mai finire troppo in dentro perché quello sarebbe oltre l'estremità del canale vaginale, al limite del quale c'e' la cervice, che e' chiusa tranne durante un parto! :)
Ma comunque non serve che arriviate cosi lontano, basta che sia inserito oltre l'anello di muscoli all'entrata della vagina (il primo terzo), andra' bene.
Potreste anche temere che non riuscirete piu' a riacchiapparlo poi. Anche questo e' un timore comune ma se può riassicurarvi, la cordicella non si romperà o potete sempre usare le dita oppure ci sono alcuni altri metodi meno ortodossi ma funzionali per estrarre un tampone testardo. Leggete il nostro paragrafo in fondo all'articolo a tale proposito .


COME inserire un assorbente interno:


istruzioni dettagliate

PRIMA DI TUTTO: Rimuovete il tampone dal relativo involucro di plastica!
Lo sappiamo, non siete sceme, ma meglio non dar niente per scontato!!
Sappiamo di giovani ragazze che li hanno inserite CON la plastica ancora attaccata, quindi non fa male ricordarlo :)

POSIZIONI MIGLIORI:

* un piede sulla sede della tavoletta del water
* sdraiate, ginocchia in su e leggermente divaricate e talloni alzati (puntati sul letto)
* in piedi, le ginocchia piegate, questa aiuta i vostri muscoli a distendersi

ASSORBENTI INTERNI CON APPLICATORE
Prendete in mano tutti e due (tampone all'interno dell'applicatore, ) e inserite l'applicatore in vagina.
Potrebbe essere difficoltoso a causa dei muscoli che premono in previsione del dolore e dal timore. Se quello è il vostro caso, potete rimandare l'esperimento fino a che non abbiate risolto il vaginismo o potete sempre decidere che potete fare a meno di usarli. In entrambi i casi, se fa male o e' piuttosto problematico, non insistete troppo o i muscoli potrebbero chiudersi ancora di piu'.
Se fa male, fermatevi. Al massimo aggiungete piu' lubrificante, ripetete gli esercizi di respirazione, cambiate angolazione ma prendetevi anche delle pause..

Usare l'applicatore e' come una siringa: Ci sono 2 tubi, uno più grande quello esterno e uno più piccolo nella parte interna. In primo luogo inserite l'applicatore secondo le istruzioni. Poi tenendolo fermo, spingete il tampone verso l'estremità esterna dell'applicatore, in vagina. Il tampone andrà in dentro più lontano dell'applicatore.
Trovate l'angolo giusto: muovete un po' l'applicatore da lato a lato e spostatelo fino a che non troviate un angolo che va bene per voi. Se inserite correttamente l'applicatore, probabilmente non sentirete quasi poi l'assorbente perche' scivolera' gia' oltre l'anello di muscoli all'entrata (che di solito e' il piu' problematico per chi ha il vaginismo).

Una volta che è alloggiato là, l'assorbente non dovrebbe muoversi da sè e potete togliere l'applicatore.
Se fosse scomodo, PUÒ essere perché non lo avete spinto piu' in profondità.

Tirare fuori gli assorbenti interni

Di solito un tampone è sempre più facile da rimuovere che da inserire, perche' sara' impregnato di sangue e quindi umido e morbido e scivolera' fuori senza causare dolore.
Quindi non rimuovetelo prima che siano passate alcune ore di flusso mestruale o non prima di aver applicato olio lubrificante sulla parete vaginale all'entrata.
Estraete ora delicatamente il tampone nel senso opposto dell'inserzione. Dovrete applicare una po' di resistenza alla cordicella ma non si rompera'.
Se temete che non uscirà, sara' facile farvi prendere dal panico! Ma sappiate che accade a quasi tutte prima o poi di trovarsi in quella situazione...
Provate a spingere i muscoli fuori, (vedi sopra). Quello aiuterà i muscoli a distendersi. I tamponi si espandono, dipende da quanto tempo sono stati all'interno ma si espandono solitamente in 2 - 3 ore, ma se dovete per forza estrarlo prima, ci hanno detto che potreste provare a fare un veloce bagno in acqua calda non salata, in qualche modo si bagnera' un po' e sara' piu' facile da rimuovere.

ESTRAZIONE DI EMERGENZA!


Ok, se proprio non ne vuole sapere di uscire, c'e' un metodo infallibile: rimuovete l'assorbente mentre fate la pipi!
I muscoli si distendeno per forza in quel momento. Il peggio che puo' accadere è che urinerete sulle vostre mani e poi le laverete! :)



MOON CUPS = COPPETTE MESTRUALI


Le coppette mestruali sono un'alternativa ecologica ed economica agli assorbenti interni.
Vengono fatte in due formati: prima del parto vaginale e dopo il parto vaginale. Una coppetta è modellata un po' come una piccola tazzina molle e tutta pieghevole. Un po' come gli anti-stress!
Puo' sembrare piuttosto grande a vederla la prima volta ma è qui che dove la sua pieghevolezza viene in aiuto: la piegate in due infatti per inserirla e la spingete nella vagina, e qui automaticamente si apre e rimette nella sua posizione originale (proprio come quei molliccioni antri-stress!) e se ne rimane la' aperta per raccogliere il liquido mestruale.
Cosi' come con l' uso del tampone, una coppette vi permetterà che andiate nuotare e potete usarle durante tutta la notte. Non ci sono stati casi segnalati di sindrome tossica da shock con nessuna di queste coppette, i batteri trova difficile svilupparsi sui lati lisci della coppetta (anche se è ovviamente buona cosa essere prudenti e usare precauzioni igieniche supplementari all'inserirle, se avete sofferto mai prima di SST).
Le tazze mestruali possono essere un po' difficili da inserire la prima volta per le donne vaginismiche, (cosi come i tamponi), ma è decisamente possibile usarle!
L'inserzione è relativamente semplice e trovate il libretto all'interno.
Diciamo che a grandi linee, se riuscite ad inserire 2 o 3 dita senza problemi in vagina, allora probabilmente andra' tutto bene. E i benefici sono stupefacenti! Le Mooncups durano anche 10 anni e a un costo intorno a £18.99 nel Regno Unito. Un confronto di prezzi per quelli non nel Regno Unito: un pacchetto di 14 pannolini da gettare è circa £1.89 e la donna media ha bisogno di circa 2-3 pacchetti al mese. Una Mooncup e' £1.89 all'anno!
Ci sono quattro marche principali di coppette mestruali riutilizzabili. Io ho questa:
Mooncup (Regno Unito) e decisamente ve la consiglio! È fatta di silicone, quindi molto morbida e facile da pulire.
Qui si trovano informazioni anche in Italiano: wWW.MOONCUP.CO.UK

Qualsiasi metodo sceglierete, buon flusso :)


Torna su
Torna all'indice del sito in Italiano
DISCLAIMER: Questo sito non e' disegnato per fornire consigli medici. Tutto il materiale e' stato raccolto dall'esperienza di centinaia di donne che hanno sofferto di vaginismo e da materiale scientifico ma serve solo come riferimento e non e' un sostituto di un'opinione di un professionista specializzato in vaginismo. Per favore, controllate bene il materiale qui presentato e riferitevi ad un medico specializzato, per qualsiasi bisogno specifico.