Home
For Women
For Practitioners
For Partners
Sex and Vaginismus
Vag. Central
Contact Us

Torna all'Indice

Uomini e aspettative sul sesso

Ci sono molte aspettative che i partner sovente hanno mentre le donne attraversano il loro processo di guarigione e di trattamento del vaginismo. Alcune aspettative possono essere controproducenti e deprimenti, per cui assicurati di non prestare loro troppa attenzione o quantomeno dai unocchiata alle probabili conseguenze...

# Dopo che la mia partner avrà risolto il vaginismo, il sesso penetrativo farà regolarmente parte della nostra vita, e le piacerà

La guarigione dal vaginismo non trasforma le donne in Dee del sesso, non dà loro una libido superiore, non rinfocola la relazione o rafforza la loro personalità né garantisce che il sesso sarà sempre senza problemi. Quindi dobbiamo essere cauti prima di aspettarci che una volta che il vaginismo sia passato, il sesso per lei sarà sempre buono, che sarà sempre indolore, che sarà sempre gradito, desiderato, appassionato e frequente...
Lei potrà risolvere il vaginismo ma potrebbe ancora non essere dellumore adatto per avere un rapporto sessuale o potrebbe sviluppare altri problemi (o potresti!) rendendo così impossibile il rapporto. Ora, a meno che non siate anche intimamente legati tra di voi in qualsiasi altro modo, non dovrebbe essere un problema che lei non abbia voglia di avere rapporti, anche dopo essere stati in grado di farlo. Ovviamente se sta con te e avete un legame profondo, già ti sta rendendo felice e tu dovrai esserle grato per questo e non dovrai bistrattarla solo perché non ti fa stare bene anche "in quel modo". Se lei ti ama, dovresti già essere felicissimo. Se credi diversamente, potresti chiederti il perché e dovresti essere onesto con te stesso.

# Il trattamento AVRA successo

E certamente importante essere incoraggianti e positivi sulle capacità della partner di superare i trattamenti con successo e risolvere il vaginismo, ma la cura NON è efficace al 100% per tutte e questo fatto ci sembra vada tenuto in considerazione fin dall'inizio.
Se entrambi i partner non sono coscienti della possibilità che una donna potrebbe NON risolvere il vaginismo e che la coppia potrebbe non essere mai in grado di avere rapporti sessuali, allora forse e' meglio non cominciare nemmeno a curare il vaginismo se non si e' pronti a chiarire cosa succederà in caso di non 'guarigione'.
Altrimenti sarà solo un enorme sforzo e pressione nella vostra vita, se le cose hanno preso più tempo del previsto o il risultato finale non è stato raggiunto.

# Il trattamento sarà veloce

E vero che la soluzione al vaginismo potrebbe avvenire in pochi mesi di esercizi di dilatazione o anche meno per coloro che hanno il vaginismo secondario la cui radice è principalmente fisica. Ma il processo potrebbe prendere un anno, due anni, un tempo molto lungo... Una donna potrebbe avere milioni di cose che stanno accadendo contemporaneamente nella sua vita e nel suo corpo, non conferendole il miglior contesto per concentrarsi sul trattamento del vaginismo.
Oppure potrebbe essere sopraffatta da precedenti problemi emotivi, problemi psicologici, problemi legati alla coppia, ad abusi sessuali prolungati, o a traumatici e violenti accadimenti nella sua vita passata. Se così fosse, non ci dovranno essere né fretta né pressioni. Non cè modo migliore di farli tornare nuovamente.
Se un terapeuta ti dirà che la tua partner sarà guarita in poche settimane di tempo e invece tu vedi la sua fatica nel risolvere la cosa, non dovrai fare pressione su di lei e dovrai invece diffidare il terapeuta perché e' lui che ti ha dato false aspettative. Una donna dovrebbe seguire il ritmo del proprio corpo se spera in un totale reale successo . E deve sperare solo in questo tipo di successo.

# Visto che non può avere rapporti vaginali, se mi amasse, dovrebbe almeno essere più disposta a fare sesso orale, sesso anale, ecc per soddisfare i miei bisogni

Primo, non sono bisogni.
Secondo, una donna non deve compensare niente a nessuno perché ha il vaginismo. Non è qualcosa che sceglie di avere, pertanto non è una cosa di cui deve pagare dazio o di cui sentirsi in colpa. Se a una donna non piacciono le altre attività sessuali, NON esiste una fondata ragione per cui debba ricevere pressioni ad offrire al partner un'alternativa al rapporto sessuale. Questo la scoraggerebbe soltanto e la dissuaderebbe dal fare sesso, e a lungo termine renderebbe il recupero dal vaginismo ancora più lungo e faticoso.
Se sei frustrato sessualmente naturalmente non è un problema della tua partner, tenendo conto che il sesso non è un bisogno fisico e che se ne può fare tranquillamente a meno.
Prova magari ad eliminare le cose che ti rendono sessualmente molto acceso, tipo l'esposizione alla pornografia, alla televisione, ecc. O prova a cambiare la tua dieta e fare meno attivita' motoria. Oppure usa tutta quella tua energia sessuale per fare del volontariato, che di bisogno di uomini vitali e virili ce n'e' molto in giro.

Se ti manca invece un sostegno emotivo e affetto, allora è una storia diversa e vale la pena discutere con il tuo partner su cosa provi e cercare di capirvi.

Torna Su

DISCLAIMER: Questo sito non e' disegnato per fornire consigli medici. Tutto il materiale e' stato raccolto dall'esperienza di centinaia di donne che hanno sofferto di vaginismo e da materiale scientifico ma serve solo come riferimento e non e' un sostituto di un'opinione di un professionista specializzato in vaginismo. Per favore, controllate bene il materiale qui presentato e riferitevi ad un medico specializzato, per qualsiasi bisogno specifico.